LA STORIA DEL GATTO

LA STORIA DEL GATTO

blog animalgardenpet

La più antica testimonianza del rapporto tra uomo e gatto risale al 1850 quando nell’antico Egitto fu scoperto un cimitero con più di 3000 mummie feline. Proprio cosi’ , amici, in Egitto il gatto era un animale venerato, coccolato , veniva nutrito con cibi raffinati (si spiega la difficolta’ nel soddisfare il suo palato) ,veniva addirittura ornato di gioielli e pietre preziose. Consacrato prima alla dea Iside e poi a Bast (la dea gatto) per le sue spiccate capacita’ protettive e per i suoi magnifici occhi abindolatori. Chi osava ucciderlo veniva condannato a morte.Tale venerazione da parte degli egizi fu usata come scudo dai loro nemici durante le guerre, con la convizione che non avrebbero mai fatto loro del male. Grazie agli egizi il gatto si diffuse presto anche tra greci e romani che li usavano prevalentemente per difendere i granai dai topi, anche ne Paesi arabi rubo’ la scena al sacro cavallo. Tutta la magnificenza dimostrata dagli egizi per questo dolce animaletto, fu completamente sgretolata nel Medioevo, infatti nn era piu’ venerato ma addirittura finiva spesso al rogo insieme alle streghe, visto come figura negativa (sopratutto il gatto nero), come incarnazione di Belzebu’. Solo nel 1800 torno’ ad essere un animale da compagnia, la prima esposizione felina infatti risale al 1871.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *